Lucciole

Che il cuor si soffermi

Balzi in un istante

Provochi pianto, rimorso e lucciole

Tutto quel che ho potuto ho dato

Lettere di amore

A-M-O-R-E, ascoltando la musica

La sentiamo? Lo udite ancora quel nome?

Cosa ne è stato di tutto quello che eravamo?

Mi trema la mano

Mi brillano gli occhi

Mi chiedo perché

Il nostro sangue pulsante è cambiato

Non lo volevamo

Eppur è accaduto

Bollette, tasse, lavoro e tradimenti

Viaggi, vacanze, mutui e attese

Natale, Pasqua, capodanno e alcool

Fiumi di stupefacenza perché non lo volevamo

Fiumi di sbigottimento e frustrazioni

Invidia

Le lucciole estinte

Talvolta il demone si assopisce

Talvolta il demone muore

Talvolta il demone contro la sua volontà si droga perché eclissando caschi

Abdichi e il regnante si offuschi

Urlanti su montagne solitarie

Vulcani di ghiaccio e lame insanguinate,

Il sangue pulsante è cambiato

Il bambino è sotterrato

Inconsapevolezza sognatrice

Da così in alto lo vediamo

Ci ricordiamo del cimitero, della tomba, della lapide e il corteo funebre

Terra!!! Un oceano di fosforescenza dove nuotano le lucciole…comandante terra!!!

Prendo la rincorsa, non importa

Meglio questo che la morte terrena degli angeli caduti

Ricorda, le lucciole sono io.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *