Tommaso Stella + L’isola di Esperer 31/01

Nel contesto del progetto “Le mura raccontano” sostenuto dal Bando “Creative Living Lab” promosso dal MIBACT, due appuntamenti importanti il 31 Gennaio:

ore 18.00_ a CasermArcheologica, incontro con Tommaso Stella capitano della missione Alex della Ong Mediterranea Saving Humans, modera Ilda Curti responsabile scientifica del progetto

Tommaso Stella, il comandate della nave Alex della Ong Mediterranea, milanese, skipper di successo, navigatore in solitaria e protagonista di mille regate transoceaniche, è stato a lungo nell’equipaggio di Giovanni Soldini. A luglio 2019 è stato capitano della missione Alex ddella Ong Mediterranea; dopo aver forzato il blocco al porto di Favarolo a Lampedusa ha risposto al Ministro dell’Interno Matteo Salvini, il quale aveva proibito lo sbarco. “La nostra linea è questa – inizia Tommaso – anche noi dell’equipaggio restiamo a bordo, da qui non sbarca nessuno. Noi scenderemo solo in compagnia di queste altre persone che da più di 50 ore condividono questo spazio con noi“. Terminata l’operazine ha dichiarato: “Non dormo e non mi lavo da una settimana. Ma adesso mi sento un uomo felice perché abbiamo salvato 54 persone, le abbiamo aiutate a fuggire dall’inferno della Libia, anche queste nella vita sono soddisfazioni”.

Si ringrazia Barbara Pilati, Sara Lusini e #ArciPerugia per la collaborazione organizzativa dell’incontro

ingresso libero

*******

ore 21.00_ il collaborazione con Laboratori Permanenti
spettacolo, Teatro Delle Forme
L’IMMAGINIFICA STORIA DI ESPÉRER
Drammaturgia e regia di Antonio Damasco
con Antonio Damasco, Laura Conti, Domenico Corapi, Nezha Mousaif, Maurizio Verna

UNA NUOVA ISOLA NASCE IN EUROPA: IL SUO NOME È ESPÉRER! L’UNICO MODO PER RAGGIUNGERLA È IL “CERTIFICATO DI ESISTENZA”
Espérer è un’isola nata dagli scogli di Ventimiglia e dall’incrocio di molte storie.
Dalle idee di un baffuto esploratore norvegese, dal bisogno di un drammaturgo italiano di spiegare a due bambine che cosa siano le frontiere, dalle storie e dalle interviste fatte ai migranti che oggi vivono in italia, da un libro pieno di disegni… da tutto questo e da molto altro nasce L’Isola di Espérer. Tutti possiamo raggiungerla, non c’è bisogno di passaporti, vi chiediamo solo di munirvi del “Certificato di esistenza” e di non «rimanere inerti davanti alla storia»
Espérer è la storia che diventa utopia e ci racconterà del futuro e di quanto ci sembreranno piccoli i nostri confini tra qualche anno.

Ore 21.00 presso Teatro alla Misericordia, Via della Misericordia 19, Sansepolcro
ingresso unico € 6.00

Il 30 gennaio a partire dalle ore 16,00, Antonio Damasco terrà un laboratorio gratuito con gli allievi della Scuola Comunale di Teatro gestita da Laboratori Permanenti.